giovedì 18 aprile 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (18 - 24 APRILE)


Cosa sarebbe successo se nel 2021 i seguaci di Donald Trump, in aperta contestazione con i risultati delle elezioni presidenziali, avessero davvero occupato il Campidoglio e da lì formalizzato il colpo di stato? Pagliacciata, boutade o davvero il mondo ha corso il rischio? Oggi un film prova a immaginare le conseguenze di una simile eventualità, naturalmente nella peggiore delle ipotesi: Civil War è uno spettacolare thriller fantapolitico che prova a metterci in guardia sui rischi e le degenerazioni del populismo e della sfiducia nella politica. Lo dirige Alex Garland, e diciamo che è un buon biglietto di visita. Altra uscita "pesante" del weekend è Back to black, ennesimo biopic (speriamo non troppo superficiale) su una figura bella e dannata della musica, in questo caso la compianta Amy Winehouse, a tredici anni dalla sua tragica scomparsa. Per gli appassionati del fantasy invece arriva su Netflix il secondo capitolo di Rebel Moon (con la splendida Sofia Boutella) cui è stato dato il nome de La Sfregiatrice, mentre per chi ama le tipiche commedie "british" caustiche e irriverenti, Cattiverie a domicilio (con le brave Olivia Colman e Jessie Bucley) potrebbe fare per voi. Vedremo se queste proposte saranno sufficienti a riportare il pubblico al cinema, in un aprile finora piuttosto moscio quanto a presenze in sala...

martedì 16 aprile 2024

ZAMORA


titolo originale: ZAMORA (ITALIA, 2024)
regia: NERI MARCORE'
sceneggiatura: NERI MARCORE', MAURIZIO CAREDDU, PAOLA MAMMINI, ALESSANDRO ROSSI
cast: ALBERTO PARADOSSI, NERI MARCORE', MARTA GASTINI, ANNA FERRAIOLI RAVEL, GIOVANNI STORTI, WALTER LEONARDI, ANTONIO CATANIA
durata: 100 minuti
giudizio: 



Milano, 1963. Il timido Walter Vismara, ragioniere di provincia, viene assunto come contabile in una grande azienda meneghina. Dopo l'impatto iniziale il ragazzo si ambienta nella metropoli e riesce anche a innamorarsi di una bella collega d'ufficio. Tutto  andrebbe a gonfie vele se non fosse che il titolare dell'azienda ha la fissa per il calcio e obbliga i dipendenti a giocare a pallone. A Walter, che odia lo sport, non resta che improvvisarsi portiere: verrà soprannominato ironicamente Zamora, come il grande portiere spagnolo degli anni '30...

lunedì 15 aprile 2024

BOX OFFICE (11 - 14 APRILE 2024)

Come da (facile) pronostico il nuovo Ghostbusters scala subito la vetta del botteghino, ma il vero vincitore del weekend è questo innaturale clima torrido di inizio aprile che spinge il pubblico a disertare le sale cinematografiche in favore di spiagge e ombrelloni: incassi più che dimezzati infatti rispetto a quelli già scarsi della scorsa settimana, e manco a dirlo la vittima predestinata è ancora una volta il cinema italiano... un refrain ormai consolidato, purtroppo. Solo Un mondo a parte di Milani regge ancora discretamente, seppur con una media molto bassa rispetto al numero di schermi in cui è programmato, ma per tutte le altre nuove uscite è il buio: è un vero peccato che a farne le spese siano in particolare due opere prime interessanti come Gloria! di Margherita Vicario e Zamora di Neri Marcorè, che avrebbero meritato ben altra considerazione. Per non parlare poi di un altro (magro) debutto, quello di Michela Giraud, che con il suo Flaminia entra in top ten pur con un incasso di appena 80mila euro in 200 sale. In pratica fanno meno di 400 euro a schermo, vale a dire circa dieci spettatori AL GIORNO per ogni spettacolo... è tutto dire.  


giovedì 11 aprile 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (11 - 17 APRILE)


Il nuovo capitolo di Ghostbusters, una delle saghe più amate dal pubblico, è il frontrunner della nuova settimana cinematografica: sempre movimentato, un tantinello nostalgico, divertente con garbo, il quarto film ufficiale del fortunato franchise si prepara ad occupare le sale. Il nostro cuore (e la nostra curiosità) battono però per il frizzante esordio dietro la macchina da presa di Margherita Vicario, che con il suo Gloria!, travolgente e femminista, ha conquistato Berlino. Infine, per i cinefili doc, arriva anche l'ultimo lavoro di Robert Guédiguian, impegnato cineasta francese (lo ricordiamo alla Mostra di Venezia con i bellissimi Gloria Mundi e La casa sul mare) che firma con E la festa continua il suo film più personale e maturo. 

martedì 9 aprile 2024

TATAMI


titolo originale: TATAMI (GEORGIA/USA, 2023)
regia: GUY NATTIV, ZAR AMIR EBRAHIMI
sceneggiatura: GUY NATTIV, ELHAM ERFANI
cast: ARIENNE MANDI, ZAR AMIR EBRAHIMI, JAIME RAY NEWMAN, NADINE MARSHALL, LIRR KATZ
durata: 110 minuti
giudizio: 



Leila, campionessa iraniana di judo, ha la possibilità di vincere la medaglia d'oro ai Campionati del Mondo di Tbilisi, in Georgia, ma durante la gara riceve dalla propria federazione l'ordine di ritirarsi (fingendo un infortunio) per non correre il rischio di dover incontrare in finale un'atleta israeliana...  

lunedì 8 aprile 2024

BOX OFFICE (4 - 7 APRILE 2024)

Incassi ancora in flessione nel primo weekend di aprile: il caldo quasi estivo, anomalo per questi giorni di primavera, ha allontanato il pubblico dalle sale in favore delle spiagge, vanificando così anche gli esiti del lunedì dell'Angelo... Un mondo a parte è l'unico titolo che ancora incassa bene, seguito da Kung Fu Panda 4 e Godzilla e Kong. Alle loro spalle il deserto: dispiace soprattutto per Zamora di Neri Marcorè, su cui evidentemente nemmeno i distributori hanno creduto più di tanto (ed è l'ennesimo flop di un titolo italiano nella stagione in corso).

sabato 6 aprile 2024

PRISCILLA


titolo originale: PRISCILLA (USA, 2023)
regia: SOFIA COPPOLA
sceneggiatura: SOFIA COPPOLA
cast: CAILEE SPAENY, JACOB ELORDI, ARI COHEN, DAGMARA DOMINCZYK, TIM POST
durata: 110 minuti
giudizio: 



La "clamorosa" storia d'amore tra il divo Elvis Presley e la sua giovanissima moglie Priscilla, vista con gli occhi innocenti, malinconici e spaesati di quest'ultima...

giovedì 4 aprile 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (4 - 10 APRILE)


Ho sempre avuto stima e simpatia per Neri Marcorè, e devo dire che il suo primo film da regista, Zamora, mi ispira curiosità: non fosse altro per il fatto che lui, juventino doc, ha girato un film sul calcio ambientato a Milano e dove il suo datore di lavoro (nel film), Giovanni Storti, interpreta un imprenditore fieramente interista (non avrà avuto troppe difficoltà il caro vecchio Storti... ;) ) ad ogni modo la pellicola appare misurata, senza proclami, senza fare il passo più lungo della gamba. In linea con il suo carattere, direi. Altro titolo importante del weekend è senz'altro Tatami, già molto applaudito all'ultima Mostra di Venezia e mai così attuale, vista la drammatica situazione del conflitto arabo-israeliano. Per chi invece ama le emozioni forti arriva l'ennesimo capitolo del franchise horror Omen, il sesto per la precisione, che si pone addirittura temporalmente agli antipodi della saga (è il prequel del celebre film Il Presagio, del 1976, diretto da Richard Donner con Gregory Peck

martedì 2 aprile 2024

SE SI PARLA DI SCUOLA... (LA SALA PROFESSORI /UN MONDO A PARTE)

 

Due film usciti quasi contemporaneamente in questi giorni, entrambi con un comune denominatore: la scuola (o meglio il sistema scolastico), eppure diversissimi tra loro. La bellezza del cinema sta anche nella possibilità di esprimere attraverso l'arte concetti diametralmente opposti eppure assolutamente condivisibili: se nel recente La sala professori, film tedesco candidato all'Oscar, veniva messo in mostra il lato "oscuro" della scuola in quanto istituzione, in Un mondo a parte, da giovedì scorso nelle sale italiane, il regista Riccardo Milani rende omaggio all'importanza, alla bellezza e alla missione dell'istituto scolastico attraverso un film che parla agli "eroi" della scuola, ovvero agli insegnanti e alle maestranze che, spesso loro malgrado, resistono e credono nel loro lavoro nonostante tutto. La differenza, purtroppo (per noi) sta nello svolgimento del tema: se La sala professori è un film maturo, tesissimo, con atmosfere cupe quasi da thriller, di ottimo livello, non altrettanto possiamo dire dell' innocua commedia nazionalpopolare di Milani, che evita accuratamente di graffiare alcunchè e si abbandona a tutti i clichè più stravisti sul mondo della scuola, ad uso dello spettatore che va al cinema giusto a Pasqua e a Natale. Peccato.

lunedì 1 aprile 2024

BOX OFFICE (28 - 31 MARZO 2024)

Nonostante il maltempo abbia flagellato il weekend di Pasqua, i dati relativi agli incassi sembrano avvalorare la tesi che gli italiani, come da tradizione, abbiano preferito fuggire comunque di casa per il primo vero ponte dell'anno anzichè riversarsi al cinema. Mancano ancora le cifre relative al lunedì dell'Angelo (giorno festivo) tuttavia il botteghino è tutt'altro che esaltante: Kung Fu Panda 4 resiste saldamente in vetta ma la vera sorpresa è il fantasy Godzilla e Kong: il Nuovo Impero, che stacca una media/schermo di tutto rispetto. Bene ma non benissimo invece Un mondo a parte di Riccardo Milani (le anteprime avevano lasciato sperare in qualcosa di meglio), comunque grasso che cola di questi tempi per un film italiano... non eccezionale nemmeno l'esordio di Priscilla di Sofia Coppola, pur non essendo certamente un film da grande pubblico.  

sabato 30 marzo 2024

MAY DECEMBER


titolo originale: MAY DECEMBER (USA, 2023)
regia: TODD HAYNES
sceneggiatura: SAMY BURCH
cast: NATALIE PORTMAN, JULIANNE MOORE, CHARLES MELTON
durata: 113 minuti
giudizio: 



Un quarto di secolo dopo la sua "scandalosa" relazione con uno studente all'epoca minorenne, un'ex insegnante accetta di farsi intervistare da una giovane attrice che di lì a poco dovrà interpretare proprio lei stessa in un film che racconterà la sua storia...

giovedì 28 marzo 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (28 MARZO - 3 APRILE)



I coniugi Cortellesi sono ormai la miniera d'oro del cinema italiano: dopo l'incredibile exploit di C'è ancora domani, supercampione di incassi, tocca ora a Riccardo Milani, marito di Paola, rinverdire le sorti di un box office alquanto asfittico negli ultimi tempi per la produzione nazionale. Un mondo a parte, con Antonio Albanese e Virginia Raffaele protagonisti, è una commedia intelligente sul mondo della scuola che certo non mancherà di sollevare discussioni in merito.  Ma il weekend entrante ci regala anche altre uscite di rilievo, a cominciare dall'adorabile Priscilla di Sofia Coppola, ennesima variazione della figlia d'arte più famosa di Hollywood sui suoi temi consueti (l'insicurezza, l'inadeguatezza, lo spaesamento dello stare al mondo), mentre per chi vuole sgombrare la mente con roba più "soft", ecco che il trentesimo film nella storia del mitico Godzilla, il lucertolone più famoso al mondo, potrebbe fare al caso suo...

mercoledì 27 marzo 2024

ANDREA MODA FORMULA: THE CRAZIEST TEAM EVER


titolo originale:
 ANDREA MODA: THE CRAZIEST TEAM EVER (ITALIA, 2023)
regia: MASSIMILIANO SBROLLA, GIORDANO VIOZZI, CRISTIANO COINI
sceneggiatura: MASSIMILIANO SBROLLA, GIORDANO VIOZZI, CRISTIANO COINI
cast: ANDREA SASSETTI, ROBERTO MORENO, NIGEL MANSELL, ALEX CAFFI, PERRY McCARTHY, ANTONIO TAMBURINI, ERCOLE COLOMBO, FRANCO PANARITI
durata: 137 minuti
giudizio: 


L'incredibile storia, assolutamente vera, della Andrea Moda Formula, ovvero la più scalcinata scuderia di Formula Uno di sempre. Tutto nacque dall'idea (sciagurata) dell'imprenditore marchigiano Andrea Sassetti, titolare di un calzaturificio (!), che nel 1992 decise di mettere su un team tutto suo per partecipare al Campionato del Mondo di quell'anno, senza avere nè esperienza, nè capacità, nè soldi da investire...

martedì 26 marzo 2024

RACE FOR GLORY: AUDI VS LANCIA



titolo originale: RACE FOR GLORY: AUDI VS LANCIA (ITALIA/GB, 2024)
regia: STEFANO MORDINI
sceneggiatura: STEFANO MORDINI, FILIPPO BOLOGNA, RICCARDO SCAMARCIO
cast: RICCARDO SCAMARCIO, DANIEL BRUHL, VOLKER BRUCH, KATIE CLARKSON-HILL, GIORGIO MONTANINI, HALEY BENNETT
durata: 105 minuti
giudizio: 



Anno 1983: la Lancia, guidata dal team manager Cesare Fiorio, è decisa a dare l'assalto al Campionato del Mondo Rally pur avendo una vettura meno performante delle favoritissime Audi Quattro. Per vincere il titolo serviranno i piloti migliori, la strategia migliore e qualche piccola astuzia tutta italiana...   


lunedì 25 marzo 2024

BOX OFFICE (21 - 24 MARZO 2024)

Come era prevedibile Kung Fu Panda 4 fa il vuoto, in tutti i sensi. Alle spalle del battagliero orsacchiotto troviamo infatti il nulla cosmico (a livello di incassi, ovviamente). L'unico ingresso di rilievo nella classifica settimanale è quello di May December di Todd Haynes, ma ormai bastano la miseria di 300mila euro per salire sul podio... per il resto i numeri parlano chiaro, seguendo un film già visto: con il primo timido sole primaverile le sale si svuotano e tanti saluti. Esclusi infatti i primi due titoli in classifica (Kung Fu Panda 4 e Dune) le medie/schermo sono davvero risibili: meno di mille spettatori a proiezione. I tempi del Barbienheimer appaiono davvero lontanissimi.  

venerdì 22 marzo 2024

MEMORY


titolo originale: MEMORY (USA, 2023)
regia: MICHEL FRANCO
sceneggiatura: MICHEL FRANCO
cast: JESSICA CHASTAIN, PETER SARSGAARD, ELSIE FISHER, JESSICA HARPER
durata: 100 minuti
giudizio: 



Sylvia, madre single con un passato difficile di abusi e violenze, incontra per caso Saul, un uomo affetto da demenza precoce che rievoca in lei brutti ricordi... l'incontro tra queste due solitudini porterà a una relazione complicata ma sincera, che obbligherà entrambi a guardare oltre il proprio vissuto e ricostruirsi una vita.

giovedì 21 marzo 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (21 - 27 MARZO)


Uscirà con una distribuzione limitata, nelle solite (poche) sale selezionate prima di trasferirsi su Netflix, eppure May December è senz'altro il titolo più "cinefilo" del weekend, non fosse altro che per la presenza di due attrici strepitose (Julianne Moore e Natalie Portman) che da sole valgono il prezzo del biglietto. Ma il film di Todd Haynes è anche una ruvida riflessione sul perbenismo, sul moralismo, sull'ipocrisia di una società che si ritiene progressista ma che invece, nemmeno troppo inconsciamente, resta profondamente patriarcale. Da vedere, consapevoli di quello che si sta per vedere. Per chi invece cerca roba decisamente più leggera, niente di meglio che il quarto capitolo di Kung Fu Panda...  

martedì 19 marzo 2024

UN ALTRO FERRAGOSTO


titolo originale: UN ALTRO FERRAGOSTO (ITALIA, 2024)
regia: PAOLO VIRZI'
sceneggiatura: PAOLO VIRZI', CARLO VIRZI', FRANCESCO BRUNI
cast: SILVIO ORLANDO, LAURA MORANTE, VINICIO MARCHIONI, ANNA FERRAIOLI RAVEL, CHRISTIAN DE SICA, SABRINA FERILLI, ANDREA CARPENZANO, GIGIO ALBERTI, PAOLA TIZIANA CRUCIANI, EMANUELA FANELLI
durata: 115 minuti
giudizio: 



Trent'anni dopo i fatti di "Ferie d'agosto", le famiglie dei Molino e dei Mazzalupi si ritrovano a trascorrere di nuovo un'estate insieme a Ventotene. I Molino tornano sull'isola per regalare un'ultima vacanza al capofamiglia Sandro, ormai in punto di morte, mentre i Mazzalupi stanno per festeggiare il matrimonio di Sabrina, diventata una rinomata influencer e star del web, e che si porta dietro un gran codazzo di giornalisti, curiosi e politici spregiudicati... 

lunedì 18 marzo 2024

BOX OFFICE (14 - 17 MARZO 2024)

Dune: parte due conquista ancora una volta il box office settimanale. Il kolossal firmato da Denis Villeneuve ha già superato in sole tre settimane l'intero incasso del primo capitolo (che si fermò a 7 milioni e spicci), confermando il trend stagionale che vede il pubblico orientarsi verso una programmazione maggiormente di qualità. Non passano certo inosservati, infatti, l'ottimo risultato de La zona d'interesse, che veleggia verso i 4 milioni di euro (cifra impensabile alla vigilia per un prodotto del genere) e quello de La sala professori, spinto anche dalla nomination all'Oscar. L'unica new-entry degna di nota della settimana è Race for Glory di Stefano Mordini (coproduzione italo-britannica), mentre si è già "sgonfiato" Un altro Ferragosto di Paolo Virzì, che supera a malapena il milione di euro e si aggiunge alla lista (lunga, purtroppo) di film italiani al di sotto delle aspettative. Cortellesi a parte, per il cinema di casa nostra al momento è una delle stagioni più fiacche degli ultimi anni.

sabato 16 marzo 2024

BOX OFFICE (7 - 10 MARZO 2024)

Dune, fortissimamente Dune: il secondo capitolo del kolossal firmato da Denis Villeneuve continua a macinare incassi in un periodo non particolarmente felice dal punto di vista commerciale, ed è una bella boccata d'ossigeno per le sale di tutta Italia. Alle sue spalle, Un altro Ferragosto di Paolo Virzì debutta con 850mila euro (risultato non eccezionale) mentre il terzo gradino del podio è sempre stabilmente occupato da La zona d'interesse, che si avvia verso i tre milioni (cifre impensabili alla vigilia, vedremo adesso con il "traino" degli Oscar). Il venerdì della Festa della Donna, inoltre, "rilancia" C'è ancora domani di Paola Cortellesi, che a quasi sei mesi dall'uscita torna incredibilmente nella top-ten della settimana.

giovedì 14 marzo 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (14 - 20 MARZO)


Settimana alquanto "moscia" a livello di uscite, con quasi nessun titolo di rilievo a parte il kolossal nordico La Terra Promessa, con un vigoroso Mads Mikkelsen già apprezzato all'ultima Mostra di Venezia. Ci sarebbe poi anche Race for Glory, Audi Vs Lancia, tentativo "all'italiana" di ripetere i fasti del bellissimo Rush di Ron Howard, spostando l'azione dalla Formula Uno ai Rally. Devo dire che la regìa di Stefano Mordini e la presenza di Riccardo Scamarcio non offrono grandi garanzie (my opinion) tuttavia la curiosità c'è... 

lunedì 11 marzo 2024

L'OSCAR DI NOLAN



In una serata praticamente "perfetta", dove ogni tassello è andato al posto giusto, l'Oscar 2024 incorona Oppenheimer e soprattutto il suo regista, Christopher Nolan, finalmente premiato dopo tante candidature andate inopinatamente a vuoto. Non mi nascondo: più volte in passato Nolan mi aveva fatto inca...volare per la sua megalomania, spesso unita a un'altezzosità senza limiti, ma non si può non riconoscergli un talento sopraffino unito a uno smisurato amore per il cinema come Arte pura, che in Oppenheimer viene sublimato in modo impeccabile. Il trionfo di Oppenheimer significa un omaggio e un ritorno a un cinema classico, spettacolare, "bigger than life", che però sa adeguarsi alla modernità. C'è gloria anche per gli altri due film più belli dell'anno, l'emozionante Povere Creature! di Yorgos Lanthimos (impreziosito dal secondo Oscar per la splendida Emma Stone) e lo sconvolgente La zona d'interesse, che come da pronostico si aggiudica la statuetta per il miglior film straniero. Niente da fare per Io Capitano di Matteo Garrone, finito purtroppo in una cinquina di ferro, ma si sapeva. E per quest'anno va benissimo così.

venerdì 8 marzo 2024

OSCAR 2024: PRONOSTICI, SPERANZE E CONSIDERAZIONI...



Tutto sembra già "apparecchiato" per Oppenheimer e per il suo regista Christopher Nolan alla 96. Notte degli Oscar, che si terrà domenica prossima nella consueta sede del Dolby Theatre di Los Angeles. Per il talentuoso regista britannico potrebbe essere davvero la volta buona, e tutto sommato ci sembra anche giusto che un Autore del suo peso, per quanto spesso e volentieri smarcato dalle logiche hollywoodiane (per fortuna, direbbe qualcuno), riceva finalmente la considerazione che merita anche dai giurati dell' Academy Award, troppo spesso ingenerosi verso di lui. Oppenheimer è comunque solo uno dei tanti grandi film che hanno impreziosito una stagione cinematografica eccellente come non mai, che vede tra le pellicole in gara altri titoli altrettanto importanti e significativi quali Povere Creature!, La zona d'interesse, Anatomia di una caduta, Killers of the Flower Moon, American Fiction e pure il fenomeno dell'anno, Barbie, un po' ridimensionato dalle candidature ma certamente rappresentativo se non altro da un punto di vista socio-culturale. Non fraintendetemi: l'Academy non è cambiata, con le sue regole spesso non scritte, i suoi canoni, i suoi dogmi più o meno incomprensibili. Il fatto che quest'anno i premi potranno  sembrare in gran parte "giusti" dipende esclusivamente dall'alta qualità dei film in gara, ma le "incazzature" da Oscar ci saranno sempre: ne è un classico esempio la probabile vittoria di Lily Gladstone tra le attrici, in omaggio alla famigerata "inclusività", che rischia seriamente di prevalere su una fantastica Emma Stone, nel ruolo finora più bello della sua carriera... 

giovedì 7 marzo 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (7 - 13 MARZO)


Un altro Ferragosto di Paolo Virzì è l'uscita più "intrigante" del weekend che ci porterà alla Notte degli Oscar di domenica. Dopo il buon successo di Siccità il regista livornese si cimenta nel sequel (trent'anni dopo!) del suo Ferie d'agosto, il film che gli diede la notorietà e che descriveva un'Italia divisa tra destra e sinistra, progressisti e conservatori, idealisti e filibustieri... sarà curioso sapere adesso, secondo Virzì, che cosa rimane al giorno d'oggi di queste categorie. Allargando lo sguardo al cinema internazionale, due film su tutti meritano menzione: il curioso Drive-Away Dolls di Ethan Coen (il primo senza il fratello Joel) e soprattutto il toccante Memory di Michel Franco, molto apprezzato all'ultima Mostra di Venezia. 

martedì 5 marzo 2024

AMERICAN FICTION



titolo originale: AMERICAN FICTION (USA, 2023)
regia: CORD JEFFERSON
sceneggiatura: CORD JEFFERSON
cast: JEFFREY WRIGHT, STERLING K. BROWN, ERIKA ALEXANDER, TRACEE ELLIS ROSS, ISSA RAE
durata: 117 minuti
giudizio: 



Thelonious "Monk" Ellison è un professore universitario di colore nonchè scrittore frustrato: i suoi libri vendono poco e la sua vita privata è a pezzi, rasserenata solo dalla timida storia d'amore con Coraline, una donna separata che vive di fronte alla sua casa al mare. Un giorno però Monk, per ripicca e sfogo personale, decide di scrivere sotto pseudonimo un libro satirico per prendere in giro l'ipocrisia editoriale nei confronti della letteratura "black", ottenendo inaspettatamente un enorme successo...    


lunedì 4 marzo 2024

BOX OFFICE (29 FEBBRAIO - 3 MARZO 2024)

Dune: parte due conquista ovviamente il primo posto settimanale, per la gioia degli esercenti di sala, ma il risultato più significativo è la splendida tenitura de La zona d'interesse, film difficile, impegnativo, non certo per tutti i gusti, che addirittura incrementa gli incassi rispetto allo scorso weekend. A questo si aggiunge poi anche l'ottimo risultato de La sala professori che, distribuito in pochissime copie, spunta addirittura la media/schermo più alta in assoluto appena dietro al kolossal di Villeneuve, segno inequivocabile che il pubblico cinematografico si è decisamente evoluto a livello qualitativo rispetto ad appena qualche anno fa. Chi invece continua a soffrire è il cinema italiano: l'unica uscita tricolore ad entrare in top ten è Caracas di Marco D'Amore, che comunque non va oltre i 300mila euro scarsi, mentre sono ormai scomparsi dai radar titoli sulla carta importanti come Romeo è Giulietta, Volare e I soliti idioti 3... e magari una riflessione in tal senso andrà pure fatta.  

giovedì 29 febbraio 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (29 FEBBRAIO - 6 MARZO)



Ancora una volta toccherà a Denis Villeneuve il difficile compito di risollevare gli incassi asfittici delle ultime settimane, dovuti principalmente alla mancanza di blockbuster di qualità in grado di riportare in sala il pubblico generalista. In questo, il secondo capitolo di Dune ha tutte le carte in regola per imporsi: è un film d'autore, è spettacolare, ha un cast prestigioso, è diretto con mano sicura da un regista ormai da tempo specializzato in "missioni impossibili". La risposta, come sempre, la daranno gli spettatori.

martedì 27 febbraio 2024

LA ZONA D'INTERESSE



titolo originale: THE ZONE OF INTEREST (GB/POLONIA, 2023)
regia: JONATHAN GLAZER
sceneggiatura: JONATHAN GLAZER
cast: CHRISTIAN FRIEDEL, SANDRA HULLER, RALPH HERFORTH, MAX BECK
durata: 105 minuti
giudizio: 


Rudolf Höss è l'ufficiale nazista cui viene affidata la supervisione del lager di Auschwitz. Il suo lussuoso alloggio si trova esattamente accanto al campo di sterminio, separato solo da un muro di cinta. In quest'area privata (chiamata "zona d'interesse") la famiglia del gerarca vive la propria vita agiata, tra giardinaggio, party e passeggiate lungo il fiume, turbata solo di tanto in tanto da strani odori e rumori provenienti di là dal muro...

lunedì 26 febbraio 2024

BOX OFFICE (22 - 25 FEBBRAIO 2024)

Pochi ma buoni. La brutta notizia del weekend è che gli incassi dei cinema continuano a calare, dopo le vacche grasse dei mesi scorsi (ma già dopodomani arriva Dune...) Quella buona è che i titoli più visti, per una volta, sono tutti titoli di qualità. Lo dico da tempo: il pubblico italiano, per fortuna, si è fatto più smaliziato ed esigente, e vuole vedere roba almeno dignitosa. Chi avrebbe infatti scommesso sul secondo posto al botteghino de La zona d'interesse, film difficile, autoriale, durissimo, straordinario ma anche decisamente poco digeribile? Eppure il film di Jonathan Glazer ha una media/schermo quasi identica a quella del biopic su Bob Marley, il "vincitore di tappa" di questa settimana. Per contrappasso, registriamo (con soddisfazione, non lo nego) i clamorosi flop di due filmetti italiani insulsi e prodotti principalmente con le nostre tasse: per Volare di Margherita Buy e Romeo è Giulietta di Veronesi la risposta del pubblico pagante (come direbbe De Gregori) è stata impietosa. E menomale, aggiungo io.
 

sabato 24 febbraio 2024

THE WARRIOR: THE IRON CLAW


titolo originale: THE IRON CLAW (USA, 2023)
regia: SEAN DURKIN
sceneggiatura: SEAN DURKIN
cast: ZAC EFRON, JEREMY A. WHITE, HARRIS DICKINSON, STANLEY SIMONS, HOLT MC CALLANY, LILY JAMES, MAURA TIERNEY
durata: 132 minuti
giudizio: 



La vera (brutta) storia della famiglia Von Erich, una dinastia di lottatori americani di wrestling che negli anni '80 guadagnò un'enorme popolarità (e un mare di soldi) anche fuori dal ring, che però i protagonisti non seppero gestire a causa della loro scelleratezza e di un padre dispotico di cui i figli erano platealmente succubi, oltre ad una presunta, leggendaria maledizione che (pare) si sarebbe abbattuta su di loro da svariate generazioni... 

giovedì 22 febbraio 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (22 - 28 FEBBRAIO)

Dimenticatevi Schindler's List. E anche La vita è bella, Il Pianista, Il figlio di Saul, e tutti gli altri film sull'Olocausto. Questa volta infatti i campi di concentramento non si vedono, o quantomeno restano sempre fuori campo... Ne La zona d'interesse, il nuovo, disturbante film di Jonathan Glazer, l'orrore è solo percepito, mai mostrato, eppure si tocca con mano in ogni momento, nell'agghiacciante normalità di una famiglia benestante che vive di fianco ad Auschwitz come se nulla fosse ed è felicissima di starsene lì. Film impegnativo, importante, incentrato sulla percezione del Male visto dalla prospettiva opposta, una prospettiva che spaventa. Di fronte a un'opera del genere parlare delle altre uscite, dal filmetto della Buy al convenzionale biopic su Bob Marley, ci sembra quasi fuori luogo.

martedì 20 febbraio 2024

PAST LIVES


titolo originale:
 PAST LIVES
 (USA, 2023)
regia: CELINE SONG
sceneggiatura: CELINE SONG
cast: GRETA LEE, TEO YOO, JOHN MAGARO, SEUNG AH MOON, SEUNG MIN YIM
durata: 106 minuti
giudizio: 



Na e Hae, due adolescenti, vivono la loro prima storia d'amore sui banchi di scuola di Seoul, la loro città. Dopo qualche tempo però la famiglia di Na si trasferisce in Canada e la ragazza "occidentalizza" il suo nome in Nora, mettendo fine alla relazione. Molti anni più tardi si ritroveranno entrambi a New York, dove Nora si è stabilita insieme a suo marito, ma il loro rapporto "da adulti" sarà molto più complicato...  


lunedì 19 febbraio 2024

BOX OFFICE (15 - 18 FEBBRAIO 2024)

Lucky Red non sbaglia un colpo: dopo Il ragazzo e l'airone e Perfect Days, ecco che anche Past lives (il film "d'ammore" per eccellenza uscito il giorno di San Valentino) balza subito in vetta al box office, trainato anche dalla doppia candidatura all'Oscar. La situazione però non è rosea: dopo la pausa sanremese gli incassi crollano e a farne le spese, purtroppo, è principalmente il cinema italiano. Grossa delusione infatti per Romeo è Giulietta di Giovanni Veronesi, partito con mire da blockbuster e invece solo quarto in classifica con 600mila euro (pochissimi, considerato il numero di sale a disposizione). Ancora peggio va a Finalmente l'alba di Saverio Costanzo, costato (pare) la bellezza di 30 milioni di euro (!) e che ne raccatta appena 200mila nel primo weekend (flop colossale). E che dire di Madame Web, ennesimo Marvel in circolazione in grado di richiamare ormai soltanto gli irriducibili del genere... del resto, data la tale "bulimia" di prodotti usciti negli ultimi anni era ovvio aspettarsi una fase di rigetto. E menomale, mi permetto di aggiungere. 

giovedì 15 febbraio 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (15 - 21 FEBBRAIO)



Da Sanremo a San Valentino: passata la sbornia di canzonette le uscite cinematografiche ritornano in  massa proprio nel giorno che celebra tutti gli innamorati. E ovviamente non poteva essere che Past Lives il film da copertina: la pellicola della debuttante Celine Song promette di essere il melò dell'anno, grazie alle alchimie sentimentali made in Corea (ma la produzione è americana al 100%) che le hanno fruttato due nomination all'Oscar nonchè l'apprezzamento di pubblico e critica. Il cinema italiano risponde invece con l'atteso Romeo è Giulietta (occhio all'accento), che segna il ritorno di Giovanni Veronesi dietro la macchina da presa, mentre per i palati più sofisticati c'è Finalmente l'alba di Saverio Costanzo. Ma è anche il weekend dell'ennesimo Marvel al femminile (Madame Web) e del nuovo capitolo de I tre moschettieri, che in Francia ha fatto faville... 

martedì 13 febbraio 2024

VISIONI VENEZIANE (GREEN BORDER /FINALMENTE L'ALBA /L'AMMUTINAMENTO DEL CAINE: CORTE MARZIALE)



Escono quasi contemporaneamente in questi giorni tre film presentati all'ultima Mostra del Cinema di Venezia e che, malgrado lo scarsissimo tempo libero a disposizione del sottoscritto e la sua salute precaria, meritano comunque una citazione. A partire dal "regalo d'addio" (chiamiamolo così, sniff) di un grande vecchio che ci ha lasciati sul più bello ma che certo resterà per sempre un gigante nella memoria dei cinefili: William Friedkin chiude la sua straordinaria carriera con L'ammutinamento del Caine: Corte Marziale, dramma processuale che purtroppo vedremo solo in piattaforma. Altro film "impegnato" (lo trovate invece in sala) è il toccante Green Border di Agnieszka Holland, storie di odioso razzismo nella civilissima Europa dell'est, mentre tra un paio di giorni (sempre in sala) potrete assistere a un film italiano purtroppo poco riuscito eppure, paradossalmente, non privo di spunti di interesse: con il suo Finalmente l'alba Saverio Costanzo riesce, anche nella sua imperfezione, a suggestionare e confezionare un'opera molto personale e curiosa. Vedere per credere. 

lunedì 12 febbraio 2024

BOX OFFICE (8 - 11 FEBBRAIO 2024)

C'è Sanremo, e ovviamente gli incassi vanno giù in picchiata. Posizioni cristallizzate a quelle della settimana scorsa, almeno per quanto riguarda le prime posizioni, ma con numeri molto più risicati. L'unica new entry di rilievo è il cartone russo Sansone e Margot: due cuccioli all'opera (quarto posto con appena 335mila euro) mentre decisamente negativo (per non dire disastroso) il risultato de Il colore viola, pluricandidato all'Oscar eppure respinto in massa dal pubblico italiano. 

giovedì 8 febbraio 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (8 - 14 FEBBRAIO)


Perchè Sanremo è Sanremo. E quando il Festival impazza nemmeno il cinema si azzarda a fronteggiarlo. L'unica uscita di rilievo del weekend (se così la vogliamo chiamare...) è il musical Il colore viola, già diretto in forma di dramma da Steven Spielberg, ormai quarant'anni fa. C'è poi anche il duro Green Border di Agnieszka Holland, premiato a Venezia (a detta di chi scrive, più importante che bello). E poi basta, o quasi. Per questa settimana ci sono solo canzonette. 

lunedì 5 febbraio 2024

BOX OFFICE (1 - 4 FEBBRAIO 2024)

Come si suol dire, l'occhio vuole la sua parte... e nella fattispecie le grazie di Sydney Sweeney (generosamente esposte, fin dalla locandina) fanno spuntare a Tutti tranne te una media/schermo mostruosa, di gran lunga superiore a quella di Povere Creature! (che mantiene il primo posto solo in virtù del maggior numero di sale). Crollano invece I soliti idioti 3 e Pieraccioni, che dimezzano gli incassi rispetto a otto giorni fa, mentre continua meravigliosamente a "tenere" Perfect Days di Wim Wenders, in programmazione ormai da quasi due mesi e sempre accolto da un buon numero di spettatori affezionati.

sabato 3 febbraio 2024

THE HOLDOVERS - LEZIONI DI VITA



titolo originale: THE HOLDOVERS (USA, 2023)
regia: ALEXANDER PAYNE
sceneggiatura: DAVID HEMINGSON
cast: PAUL GIAMATTI, DOMINIC SESSA, DA'VINE JOY RANDOLPH
durata: 133 minuti
giudizio: 



Un burbero professore universitario è costretto a trascorrere le vacanze natalizie nel college dove insegna per "sorvegliare" alcuni studenti che non hanno un posto dove andare, tra cui un alunno difficile con il quale stringerà un rapporto particolare ed umanissimo... 


giovedì 1 febbraio 2024

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (1 - 7 FEBBRAIO)


Settimana "detox" dopo tante uscite importanti, e col Festival di Sanremo che incombe nessun distributore osa scoprire le carte: il film più interessante del weekend è quindi How to have sex, ritratto generazionale dell'adolescenza 2.0 passato con buoni riscontri all'ultimo Festival di Cannes. Per chi invece ama un cinema godibile e più tradizionale la commedia francese Una bugia per due potrebbe fare al caso suo, mentre il cupo The Warrior - The iron claw promette di raccontarci attraverso il wrestling l'America reaganiana degli anni '80. Ci sarebbe anche la seconda opera da regista di Ginevra Elkann ma onestamente credo che con il cinema abbia poco a che fare...


lunedì 29 gennaio 2024

BOX OFFICE (25 - 28 GENNAIO 2024)

Povere Creature! subito in testa al box office settimanale, ed è gioia per i cinefili in cerca d'autore: quasi due milioni di euro al debutto per la pellicola di Yorgos Lanthimos, che si avvia a diventare il maggior successo commerciale per il regista greco. Va detto che la massiccia distribuzione (oltre 500 sale) ne ha favorito gli incassi, ad ogni modo si tratta comunque di un risultato di tutto rispetto per una pellicola così autoriale e particolare, di sicuro non fruibile da tutti. Il pubblico "generalista" ha infatti ripiegato su due titoli molto più facili, I soliti idioti 3 e Tutti tranne te, che hanno spuntato delle medie/schermo clamorose (specialmente il film di Biggio e Mandelli). In netta discesa invece Pieraccioni, che raccoglie spettatori principalmente in Toscana ma non sfonda nel resto del paese. I 2,5 milioni incassati finora sono comunque un discreto bottino specie se paragonato a quello delle sue ultime opere (in verità alquanto deludenti) 

venerdì 26 gennaio 2024

POVERE CREATURE!

 
titolo originale: POOR THINGS (GB/IRL/USA, 2023)
regia: YORGOS LANTHIMOS
sceneggiatura: TONY McNAMARA
cast: EMMA STONE, MARK RUFFALO, WILLEM DAFOE, RAMY YOUSSEF, CHRISTOPHER ABBOTT
durata: 141 minuti
giudizio: 



Bella Baxter è una giovane "freak" morta suicida e riportata in vita dal folle Dottor Godwin, detto "God", che è riuscito a impiantarle il cervello di un neonato. La ragazza cresce così reclusa in laboratorio, lontana da pericoli e sguardi indiscreti, maturando ben presto una spiccata curiosità per il sesso e l'autoerotismo. La voglia di andare alla scoperta del mondo e dei piaceri della vita porterà Bella a scappare in Europa insieme all'infido avvocato Duncan Wedderburn, dal quale però si separerà presto per diventare una donna indipendente, emancipata e paladina delle libertà.